Gagliano Giuseppe Il sessantotto nell’interpretazione di Jacopo Fo e Sergio Parini

Allo scopo di offrire al lettore una chiara percezione della visione del mondo e delle modalità antagoniste poste in essere durante il sessantotto e gli anni settanta,abbiamo selezionato alcuni passi chiave tratti da un saggio di successo di Jacopo Fo e Sergio Parini.Un’ attenta disamina della testimonianza in presa diretta degli autori ci permette di confermare da un lato alcune rilevanti tesi storiografiche e dall’altro lato di verificare la validità della griglia interpretativa mutuata da Vittorfranco Pisano e dalla scuola di guerra psicologica francese. In primo luogo,la politicizzazione- ispirata alle ideologie marxiste-leniniste e maoiste- attuata dai gruppi di estrema sinistra nelle scuole pubbliche milanesi(in particolare al Liceo Berchet di Milano),nelle fabbriche lombarde e nell’Università Statale di Milano aveva determinato violenza verbale e fisica,discriminazione su base ideologica e propaganda capillare;in secondo luogo,la visione dicotomica della realtà(caratteristica del giacobinismo e delle ideologie totalitarie nell’accezione di Jacob Talmon) portava i militanti a vivere in una condizione paranoica (d’altronde esplicitamente ammessa dagli autori).In terzo luogo,proprio a causa di questa percezione paranoica della realtà,veniva posto in essere un processo di mitizzazione nei confronti di Mao,Che Guevara e Ho Chi Min non consentendo una lettura disincantata della realtà politica cinese e vietnamita. In quarto luogo,la rapida diffusione delle ideologie marxiste-leniniste e maoiste nei più diversi contesti sociali, creò un clima favorevole all’insorgere del terrorismo e alla sua implicita o esplicita legittimazione. In quinto luogo, l’uso della violenza rivoluzionaria da parte dei gruppuscoli della estrema sinistra fu interpretato come una scelta coerente rispetto al mito della resistenza tradito dal riformismo del Pci.Infine, le modalità operative attuate dall’antagonismo sessantottino -alla luce delle esplicite dichiarazioni di Fo e Parini-,si possono agevolmente inquadrare sia nella agitazione sovversiva(nel significato pisaniano del termine) sia nella disinformazione ed intossicazione nell’accezione di Géré che nel concetto di sovversione culturale di Mucchielli e Francart.

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: