Andrea Salvatore Schmitt e la teoria della guerra giusta

Il CESTUDEC ha il piacere di pubblicare il saggio di Andrea Salvatore Schmitt e la teoria della guerra giusta tratto dalla rivista Behemoth,n.40(2009).Ringraziamo il Direttore e l’autore per averci concesso l’autorizzazione a pubblicarlo.

Andrea Salvatore è Dottore di ricerca in Filosofia Politica presso il Dipartimento di Filosofia della Sapienza – Università di Roma. Si occupa di filosofia politica e filosofia del diritto, con particolare attenzione ai temi della pace e della guerra. Ha scritto diversi saggi sul pensiero giuridico e politico di Carl Schmitt, apparsi principalmente sul trimestrale Behemoth. Tra le sue pubblicazioni: Il pacifismo (Carocci, Roma 2010), Giustizia in contesto. La filosofia politica di Michael Walzer (Liguori, Napoli 2010), Filosofia politica. Le nuove frontiere (Laterza, Roma-Bari 2012), The Legal Theory of Carl Schmitt (Routledge, London-New York 2012).

Éric Denécé Le derive violente dei movimenti di contestazione “etici”

IL CESTUDEC ha il piacere di presentare in lingua italiana un saggio di Éric Denécé Direttore del Centro francese di ricerca sull’intelligence (CF2R) e professore associato presso l’Università Montesquieu-Bordeaux IV. Il saggio è stato pubblicato in francese sulla rivista Sécurité globale (inverno 2007-pagg.1-8).Ringraziamo l’autore per l’autorizzazione data alla pubblicazione.

Gagliano Giuseppe L’interpretazione della guerra rivoluzionaria del Col. Andrè Bruge

Il Colonello Andrè Bruge fu uno dei maggiori teorici della guerra rivoluzionaria francese.Il nostro breve report è volto a rivaluterne il contributo a lungo misconosciuto nonostante gli inacrichi di rilievo assunti durante la guerra di Algeria.

Gagliano Giuseppe Il paradigma politologico antirealista di Ekkehart Krippendorff

Non c’è dubbio che il realismo politico nelle sue numerose varianti abbia dominato l’interpretazione della dinamica delle relazioni internazionali da Tucidide fino ad oggi.Proprio contro il realismo,contro le sue implicazioni l’autore indica una alternativa a suo giudizio concretamente realizzabile

Gagliano Giuseppe Aspetti dell’antagonismo primitivista-neosituazionista

Il primitivismo neosituazionista costituisce una delle correnti di maggiore originalità teorica dell’antagonismo anticapitalista attuale e la sua evoluzione nel contesto europeo deve essere oggetto di un attento monitoraggio a scopo preventivo.

Gagliano Giuseppe Ecosofia e nonviolenza nella riflessione di Arne Naess

L’approccio di Arne Naess sia all’ecologia sia alle strategie non violente- da mettere in atto per modificare il sistema capitalistico strutturalmente- costituisce un contributo determinante per la comprensione dell’ecologia radicale non violenta,comprensione che deve essere volta naturalmente a prevenirne e neutralizzarne le implicazioni.

Gagliano Giuseppe L’intervento civile non violento nella riflessione di Jean-Marie Muller

Jean-Marie Muller è il fondatore del MAN- Movimento per un alternativa non violenta-ed è direttore dell’Istituto di Ricerca sulla Risoluzione Nonviolenta dei Conflitti (IRNC) di Parigi.

Gagliano Giuseppe Aspetti della strategia non violenta secondo Gene Sharp

La possibilità che un governo venga delegittimato attraverso una strategia indiretta fondata sulle tecniche non violente e sull’uso della guerra psicologica costituisce una scelta realisticamente perseguibile e non necessariamente sostitutiva rispetto a quella tradizionale ma al contrario complementare.Ebbene,l’approccio di Gene Sharp costituisce uno strumento strategico ampiamente utilizzabile per destabilizzare dall’interno le istituzioni politiche.

Gagliano Giuseppe La concezione della guerra nella interpretazione del realismo politico di Gianfranco Miglio

In questo breve articolo la nostra intenzione è stata quella di evidenziare come il realismo politico-e specificatamente quello del politologo comasco Gianfranco Miglio-costituisca un approccio metodologico fecondo per interpretare la sintassi della guerra nella sua inestricabile correlazione con la politica.

Gagliano Giuseppe Aspetti del realismo politico nella riflessione di Tucidide e di Machiavelli

Nel contesto del realismo politico il contributo del politologo comasco Gianfranco Miglio è stato indubbiamente determinante.In particolare di estremo interesse risulta la sua interpretazione del realismo politico di Machiavelli.Scopo dell’articolo è proprio quello di individuare elementi comuni tra il realismo politico di Machiavelli e quello di Tucidide alla luce dell’interpretazione di Gianfranco Miglio.