Gagliano Giuseppe L’industria dei semiconduttori

Uno sguardo sugli attori privati nel contesto dei semiconduttori

L’industria dei semiconduttori è generalmente caratterizzata da ampie fluttuazioni della domanda e dell’offerta di prodotti, che dipendono fortemente dalle dinamiche conflittuali dell’economia globale.Le aziende con sede nell’Unione europea detengono la quota maggiore del mercato mondiale, che misurata sulla base dalle vendite raggiunge quasi il 50%. Dei 15 leader nel mercato dei semiconduttori, sette hanno sede negli Stati Uniti, tre in Europa, due in Corea del Sud, due in Giappone e uno a Taiwan.

Incominciamo  la nostra breve  rassegna dalle industrie europee

Uno degli attori principali nel settore dei semiconduttori è certamente la Soitec.Soitec è una società industriale internazionale di origine francese che svolge un ruolo chiave nel settore della microelettronica .Progetta e produce materiali semiconduttori innovativi: substrati su cui vengono incisi e quindi tagliati i circuiti dei componenti elettronici. Offre soluzioni senza precedenti e competitive per miniaturizzare ulteriormente i chip, aumentarne le prestazioni e ridurre il consumo di energia. Inoltre, Soitec acquista wafer di silicio da produttori di silicio che hanno già fuso, modellato e tagliato il silicio grezzo. Utilizza principalmente la tecnologia Smart Cut ™ per interporre uno strato di materiale isolante tra ogni strato di ossido di silicio e per produrre lastre di silicio su isolante (SOI). Quindi, vende queste sezioni ai produttori di circuiti integrati. Oltre alle prestazioni e ai guadagni in termini di efficienza energetica dei componenti elettronici rispetto alle tradizionali lastre di silicio solido, l’incisione su SOI consente di risparmiare sui costi grazie ad  un’architettura semplificata. SOITEC ha un livello molto basso di concorrenza e una significativa capacità di autofinanziamento per investire nella sua ricerca e sviluppo.

Inoltre l’avvento del 5G offrirà certamente una opportunità di crescita significativa.

La seconda azienda che prendiamo in considerazione è la Riber francese . Questa società è specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di sistemi epitassici molecolari e celle per l’industria dei semiconduttori. Quest’anno, il progetto che ha animato il core business dell’azienda è stato certamente l’acquisto di una macchina da 6000 MBE, cinese, che ha contribuito allo sviluppo di nuovi dispositivi optoelettronici per servire i mercati 5G cinesi e internazionali, interconnessioni e data center in fibra ottica. Questo nuovo successo commerciale in Cina dimostra che le soluzioni tecnologiche di Riber stanno rispondendo favorevolmente alle esigenze di produzione per l’implementazione e la diffusione del 5G sul mercato cinese .

La terza azienda è  la STMicroelectronics che è uno dei leader mondiali nel campo della produzione e commercializzazione di semiconduttori. STM, una società con sede in Svizzera, è franco-italiana ed è posizionata in settori in crescita come automotive, IoT e  3D. Per fornire ai propri clienti uno strumento di produzione indipendente e sicuro a costi competitivi, STM si affida a una rete di undici fabbriche “front-end” spedite in tutto il mondo per la produzione di wafer di silicio e in “back-end” per assemblaggio, collaudo e confezionamento di chip. Sul piano finanziario  uno dei suoi azionisti è il noto fondo americano BlackRock Fund Advisors che detiene l’1,19% delle azioni.

La quarta azienda che prendiamo in considerazione ,che è la seconda più grande azienda a livello globale  ,è ASML. Situata nei Paesi Bassi, questa società è stata fondata nel 1984 come joint venture tra ASM International e Philips. ASML è il leader mondiale nella produzione di macchine per l’industria dei semiconduttori con circa l’80% del mercato. L’azienda produce macchine per processori di produzione, memoria DRAM e Flash. I suoi tre principali clienti sono anche i suoi principali investitori: Samsung, Intel e TSMC, i tre leader nel mercato dei semiconduttori. Il gruppo ha una domanda molto più elevata rispetto alla propria offerta di produzione, il che offre loro un chiaro vantaggio sul mercato e la concorrenza rimane debole.

La quinta impresa che consideriamo è la Infineon Technologies è uno dei principali produttori mondiali di semiconduttori. Questo gruppo di semiconduttori tedesco, spin-off di Siemens AG, fondato nel 1999, è stato quotato in borsa all’inizio del 2000. È il leader mondiale nel mercato dei componenti per smart card. I prodotti del gruppo comprendono semiconduttori di potenza, sensori, microcontrollori, circuiti integrati digitali, a segnale misto e analogici,dispositivi a semiconduttore discreti, interruttori, circuiti integrati di interfaccia, circuiti integrati di controllo motore, transistor di potenza RF, regolatori di tensione e componenti elettronici di sicurezza.

Il fatturato per attività nel settore dei semiconduttori è il seguente:

– Gestione del consumo di energia (30,5%): semiconduttori per la gestione efficiente dell’energia utilizzata nei settori di ricarica delle batterie elettriche, aviazione, difesa, energia petrolio e gas, telecomunicazioni sottomarine, elettronica di consumo, elettrodomestici, Internet delle cose, telefonia mobile e illuminazione convenzionale;

– Controllo di potenza industriale (17,4%, n. 1 in tutto il mondo): semiconduttori e moduli di potenza utilizzati nei settori di produzione, trasmissione e consumo di energia elettrica

– Sicurezza delle smart card (8,7%): circuiti integrati per smart card (carte d’identità elettroniche, patenti di guida, tessere sanitarie, carte di pagamento, ecc.) Per l’identificazione, l’autenticazione e autenticazione, pagamento sicuro, comunicazione mobile, ecc.

Per quanto riguarda le misure strategiche, il produttore di semiconduttori ha lanciato nell’aprile 2019 un’offerta di circa 9 miliardi di euro per acquistare l’American Cypress, che dovrebbe consentirgli di salire all’ottavo posto in tutto il mondo .Questa mossa è accettata perché uno degli azionisti, “Harding Loevner LP”, è una società statunitense. Infineon realizza oltre il 25% delle sue vendite in Cina .

Se passiamo a considerare poi le aziende americane ,la società IQE è una società inglese-americana creata nel 1988 a Cardiff, che produce wafer utilizzati in dispositivi wireless, optoelettronici, elettronici e solari. È specializzato in materiali avanzati a base di arsenuro di gallio (GaAs), fosfuro di indio (InP), nitruro di gallio (GaN) e silicio. La società è il più grande produttore indipendente di epiwafer fabbricati con epitassia organometallica in fase vapore (MOCVD), epitassia da fascio molecolare (MBE) e deposizione chimica in fase vapore DCV.

La seconda azienda che prendiamo in considerazione è la Intel è una società americana fondata nel 1968. È il principale produttore mondiale di semiconduttori. Produce microprocessori, schede madri, memoria flash e processori grafici. Le vendite nette sono suddivise per famiglia di prodotti come segue:

– prodotti digitali (81,1%)

– prodotti di comunicazione (18,9%).

Il gruppo si distingue per una strategia di sviluppo e crescita basata su un processo di integrazione delle operazioni a monte e a valle. Per aumentare la sua presenza e il suo know-how, acquista aziende che producono regolarmente nuove soluzioni innovative per il successo. Diverse opportunità sembrano stimolare la crescita del gruppo: la domanda è in costante aumento dai paesi emergenti che rappresentano un mercato molto ambito e su cui Intel riesce a posizionarsi senza reali difficoltà.

Infine la Texas Instruments (TI) è una società di elettronica americana fondata nel 1941 con sede a DALLAS. È specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di semiconduttori.

 I principali attori a livello globale nella esportazione di quarzo

Kakatiya Overseas(Russia)

Situata nei Monti Urali meridionali, la società mineraria Kyshtym è l’unica azienda in Russia che produce quarzo puro per i suoi clienti nazionali e internazionali. I suoi clienti più popolari sono SUMCO (Giappone), Covalent (Giappone), Osram (Germania), Philips (Paesi Bassi) e JNC (Cina). Inoltre, la Russia esporta il suo quarzo in Cina (27%), Giappone (23%), Kazakistan (22%), Paesi Bassi (19%), Bielorussia (3,7%), Germania ( 5,4%) e altri paesi europei.

Poiché la Cina è il maggiore importatore della Russia, le relazioni commerciali tra questi due paesi sono determinate dall’obiettivo di sviluppare ulteriormente l’integrazione economica della regione eurasiatica, in un contesto di crescenti rivalità economiche e militari con gli Stati Uniti.

La Russia esporta esclusivamente verso paesi europei ed asiatici e ciò ,sotto il profilo geopolitico ,contribuisce in modo determinante a consolidare la collaborazione con la Cina nel contesto della “Belt and Road Initiative” .

The QUARTZ Corp(USA)

La speciale geologia degli Appalachi americani offre depositi di quarzo purissimi. Da lì, i prodotti realizzati nella Carolina del Nord vengono spediti in Norvegia, dove l’impianto di produzione consente loro di produrre quarzo  al 99,998%.

Gli Stati Uniti esportano principalmente in Norvegia (27%), seguiti da Corea del Sud (12%), Messico (9,5%), Germania (6,1%), Francia (8,4%), %) e il Regno Unito (4,3%) .

Mentre gli Stati Uniti sono il principale esportatore della Corea del Sud, la strategia per esportare verso la Norvegia crea una relazione intercontinentale che si oppone alla Cina, il suo principale concorrente in questo mercato.

Nordic Mining(Norvegia )

Una delle regioni più fertili in Norvegia per il quarzo è nel deposito di Nesodden. Il deposito di Nesodden si trova sulla punta sud-occidentale del paese.

La Norvegia è il maggiore importatore mondiale di quarzo, tra cui Spagna (47%), Egitto (29%), Stati Uniti (19%) e Francia (2,5%). Nel 2016 Islanda (44%), Svezia (37%), Germania (9,3%), Francia (5,6%) e Svizzera (3,1%). Le esportazioni più piccole vanno in Cina, con una percentuale inferiore allo 0,5% .

La Norvegia è quindi un attore chiave nella strategia statunitense perché consente agli Stati Uniti di limitare la proiezione di potenza economica cinese .

Kakatiya Overseas(India)

Kakatiya Overseas è un produttore e fornitore internazionale  di quarzo di alta qualità e purezza di varie qualità e dimensioni. È anche il leader indiano dell’esportazione. In India, la principale regione in cui viene estratto il quarzo si trova nella regione meridionale, dove Kakatiya Overseas ha sede.

L’India è il secondo maggiore esportatore di quarzo (9,2%) dietro la Cina (14%). L’India svolge un ruolo strategico nel commercio mondiale di quarzo poiché tutti i principali importatori si trovano in Asia, tra cui Giappone (14%), Cina (12%), Malesia (10%), Vietnam (9%), 2%), Bangladesh (4,7%) e Thailandia (2,1%) .

In particolare le esportazioni sono rivolte ai paesi del sud-est asiatico. Sebbene rappresentino solo una piccola percentuale delle esportazioni totali dell’India, non devono essere sottovalutate. Inoltre il ruolo della Cina nel commercio indiano è strategico per coinvolgere l’India nell’iniziativa cinese “Belt and Road” ed ancora una volto perché è indispensabile per contenere quello americano.

Angelo Zino, Semiconductors & Semiconductor Equipment, S&P Capital IQ, May 2016, pp. 19-24

Falan Yinug, Made in America: The Facts about Semiconductor Manufacturing, SIA, August 2015

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: