Data Center e cavi sottomarini in Africa

La città-stato faraonica sudafricana di Waterfall City, costruita ex nihilo nei primi anni 2010 su un grande terreno di 2.200 ettari situato tra le città di Johannesburg e Pretoria per ospitare un business center di nuova generazione, dovrebbe presto acquisire il “più grande data center del continente”. Per il suo ingresso nel mercato africano, la società americana Vantage Data Centers si è occupata del suo piano mediatico . Sviluppato sotto la guida del suo capo per l’area Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA), l’imprenditore francese Antoine Boniface, questo progetto ammonta a 15 miliardi di rand (1 miliardo di dollari) dedicati alla costruzione di un campus di tre data center, distribuiti su un’area di 12 ettari e che richiedono una potenza elettrica di 80 MW. Dovrebbe essere alimentato dalla società statale Eskom, la cui affidabilità di rete è stata ampiamente messa in discussione per diversi anni . https://www.africaintelligence.fr/afrique-est-et-australe_business/2021/11/15/guerre-du-cloud–les-geants-microsoft-amazon-et-huawei-vont-ils-eclipser-les-operateurs-africains,109703896-ge0

Boniface è già conosciuto nel piccolissimo mondo dei data center africani: la sua società Etix Everywhere, acquisita nel febbraio 2020 da Vantage, aveva già fondato due piccole “fabbrica di dati” a Casablanca e Accra. Ma queste infrastrutture sono state vendute non appena Etix è stata acquisita, rispettivamente a Orange Maroc e alla società londinese Onix Data Centres, Vantage che desiderava concentrarsi sui cosiddetti data center iperscalabili (molto grandi).

Attore centrale nel mercato dei data center iperscalabili nel mondo, Vantage non è l’unico operatore straniero ad aver salpato per il continente africano negli ultimi anni, minacciando il quasi monopolio dei gruppi sudafricani in questo campo. Mentre il settore dell’archiviazione dei dati è ancora embrionale – l’Africa attualmente ospita solo l’1,3% dei data center mondiali, mentre gli Stati Uniti (40%), l’Europa (30%) e l’Asia (10%) si ritagliano la parte del leone – finora è stata in gran parte dominata da giocatori del Sudafrica, come Teraco, African Data Centers (ADC), Internet Solutions, Hetz

Questi gruppi hanno acquisito il loro monopolio con molti finanziamenti esterni: i due leader del settore in termini di impronta regionale, ADC e Teraco, sono rispettivamente di proprietà del colosso in fibra domiciliato nello spazio offshore di Jersey Liquid Intelligent Technologies (ex Liquid Telecom) e della società di private equity britannica Permira Holdings. Già presente in Sudafrica ma desideroso di espandersi in Nigeria e Kenya, Teraco è anche sostenuta finanziariamente dal fondo americano Berkshire Partners LLC e dalla banca sudafricana Absa Group.

La società madre di ADC, Liquid Intelligent Technologies, è essa stessa una filiale di Econet, il gruppo del magnate delle telecomunicazioni e unico miliardario dello Zimbabwe Strive Masiyiwa. ADC è presente in quattro paesi (Sudafrica, Zimbabwe, Ruanda e Kenya) e vuole espandere la sua impronta in altri territori, tra cui Maghreb e Nigeria, con un progetto di data center da 10 MW finanziato in parte dall’agenzia pubblica americana US International Development Finance Corp (DFC).

La sua futura sede a Lagos suonerà come un ritorno per Strive Masiyiwa, essendo stata la prima azienda a integrare il mercato nigeriano della telefonia mobile nel 2000, prima di essere spinta ad uscire pochi anni dopo. Per l’espansione africana di ADC, Masiyiwa ha potuto contare sul capo dell’azienda dal 2018, il francese Stephane Duproz. Figura molto attiva nell’African Data Center Association, Africa Data Center Association, Duproz ha un’ottima conoscenza del settore, avendo guidato la filiale francese del leader europeo nei data center TelecityGroup per più di un decennio.

Oltre a Vantage, diversi operatori stranieri competono con ADC e Teraco, come PAIX Data Centres (sostenuti finanziariamente dal governo olandese), Raxio Group (finanziato dall’American Roha Group e dai fondi francesi Meridiam) o la società di telecomunicazioni giapponese Nippon Telegraph and Telephone (NTT). Ma negli ultimi anni è emersa una minaccia ancora maggiore: i giganti del settore del data hosting, che finora si erano tenuti lontani da questo mercato africano, hanno recentemente lanciato un’offensiva. Sebbene questa conquista sia molto interessante, potrebbe comunque rafforzare la sovranità e l’indipendenza digitale del continente, i cui enti pubblici e privati sono attualmente costretti ad ospitare la maggior parte dei loro dati strategici al di fuori dei loro confini.

Dal 2019, Microsoft Azure, Amazon Web Services (AWS) e Huawei si sono successivamente affermati in Sudafrica, principalmente nella capitale economica Johannesburg, ma anche a Città del Capo. Polmone economico sudafricano, la città costiera appartiene al club chiuso di hub globali che devono il loro status alla facilità di accesso al cavo in fibra ottica sottomarino ACE (Africa Coast to Europe). La presenza di questo cavo consente al Sudafrica di offrire un’apertura strategica al continente e diventare una porta di telecomunicazioni per servire l’intera regione.

L’offensiva dei titani tecnologici californiani sul mercato africano dei data center è tutt’altro che straniera alla loro battaglia per la costruzione, il miglioramento o la gestione di cavi sottomarini che collegano l’Africa al resto del mondo .Questi cavi sono direttamente collegati ai data center, che devono essere iperconnessi per eseguire tutte le applicazioni aziendali e offrire la rete più veloce possibile. Ad esempio, la costruzione del primo data center Huawei in Sud Africa nel 2020 è avvenuta un anno dopo che Huawei Marine ha lavorato per migliorare le prestazioni del West African Cable System (WACS), che collega il Regno Unito al Sudafrica. Huawei aveva già apportato un primo miglioramento a questo cavo nel 2015.

Negli ultimi anni, Gafams (Google, Amazon, Facebook, Apple e Microsoft) ha mostrato un crescente interesse per questi cavi sottomarini. Sebbene Google non abbia ancora un data center in Africa, ha comunque lanciato nel 2018 il progetto Equiano, un nuovo cavo lungo la costa dell’Africa occidentale, dal Portogallo al Sudafrica. Facebook ha aggiunto a maggio 2020 un progetto ancora più ambizioso chiamato 2Africa: deve aggirare l’intero continente.

Da parte sua, Amazon ha scelto di costruire su cavi esistenti per espandere la sua impronta in Sud Africa. Per questo progetto di espansione, AWS si è affidata principalmente ai dirigenti delle principali società statali sudafricane (il country manager di AWS in Sud Africa, Rashika Ramlal, proviene da Telkom) e al settore bancario (uno dei suoi direttori, Andrew Raichlin, ha trascorso vent’anni nelle fila di Old Mutual). Queste staffette non hanno risparmiato ad AWS diverse delusioni nel paese,con battute di arresto ma che non hanno impedito ad AWS di attirare già diversi importanti clienti sudafricani, principalmente banche (Old Mutual, Absa, Investec, Standard Bank), .Anche le società nigeriane gli hanno affidato i loro dati, come la società di pagamento Flutterwave Inc. Come i suoi concorrenti, AWS ha scelto di capitalizzare il Sudafrica, che utilizza per servire il continente. Grazie all’archiviazione dei dati, AWS colma le lacune della sua società madre Amazon in un continente in cui non ha mai fatto irruzione nell’e-commerce, che è tuttavia il suo core business .La società di e-commerce con sede a Berlino Jumia ha capitalizzato questa assenza.