La Francia e la guerra di informazione in Mali

Sedici pannelli e almeno 576 trasmissioni giornaliere. Da ottobre, gli spazi pubblicitari digitali nella capitale del Mali hanno portato un messaggio intrigante. Tra una pubblicità per un karaoke e la pubblicità per un piano mobile parade pittogrammi di soldati e veicoli blindati supportati dagli slogan “Barkhane trasforma”, “Insieme”. Una novità per l’operazione militare francese, che trasmette il suo messaggio su diversi incroci trafficati a Bamako, e si è persino invitata su tre canali televisivi, l’ORTM – televisione pubblica maliana, la più guardata del paese -, Joliba TV e Renewal TV.

Mentre le immagini dell’intervento francese in Mali si susseguono, il breve video ricorda l’essenza dell’operazione e divulga le linee principali della sua ristrutturazione, prevista per il 2022. In un contesto di musica guerresca , i “tre pilastri” dell’operazione Barkhane (“partenariato di combattimento”, “riassicurazione” e “cooperazione”) lasciano quindi il posto a un promemoria numerico: da 2.500 a 3.000 soldati francesi (rispetto ai 5.100 oggi), “dotati di mezzi efficienti”, costituiranno la “nuova forza”.

Apparso sugli schermi del Mali pochi giorni dopo il veemento discorso del Primo Ministro di Transizione, Choguel Maïga, all’ONU, che ha accusato la Francia di “abbandono a metà volo”, lo spot suona come una risposta alla lite diplomatica attualmente infuriata tra Parigi e Bamako. “Si potrebbe davvero credere che questo incarico arrivi in reazione alle dichiarazioni del Primo Ministro del Mali, ma è stato deciso molto prima delle sue osservazioni sulla Francia.

La campagna risponde soprattutto alla nuova strategia adottata dal Ministero delle Forze Armate: “guerra dell’informazione”. Guidato dal nuovo capo di stato maggiore della difesa, Thierry Burkhard, succeduto a François Lecointre nel luglio 2021, l’esercito francese intende rafforzare la sua dottrina sulla “lotta informatica per l’influenza”. Un gergo che si riferisce alla lotta “contro la propaganda terroristica e la manipolazione delle informazioni, ovunque nei teatri operativi in cui agiscono gli eserciti francesi”, ha riassunto il ministro degli Esteri francese Florence Parly il 20 ottobre, presentando la nuova dottrina e annunciando un rafforzamento delle attrezzature e delle risorse umane dedicate alla lotta per l’influenza.

Una “lotta informativa”, o “guerra delle percezioni”, che dovrebbe “vincere la guerra prima della guerra”, dice il generale Burkhard. “Abbiamo vissuto vent’anni durante i quali la logica era l’impegno sul campo, ma oggi non è più l’unica soluzione”, ha martellato alla stampa il 5 ottobre.

In Mali, lo staff degli eserciti francesi intende combattere le fake news, mentre i social network spesso trasmettono accuse di sbavature e sospetti su un’agenda nascosta della Francia, “sccheggio delle risorse”. Il colonnello Raphaël Bernard, che vi ha prestato servizio tre volte tra il 2015 e il 2020, ricorda una campagna di disinformazione condotta nel 2019, mentre era di stanza a Gao. All’epoca, tredici soldati francesi furono uccisi nello schianto di due elicotteri. “Siamo stati accusati sui social network di simulare queste morti per trasportare oro nelle bare. Questo è indecente per i nostri soldati uccisi in combattimento, ma mina anche la nostra credibilità e legittimità sul campo “.

Attraverso comunicati stampa, newsletter e display ora pubblicitari , “la sfida è impedire che una narrazione parziale o falsa si inserisca nell’opinione pubblica”, spiega Pascal Ianni, che aggiunge che “anche nella Repubblica Centrafricana, la Francia e l’Unione europea devono affrontare campagne di disinformazione molto virulente, condotte in particolare da gruppi influenti probabilmente vicini alla Russia »

Ma anche se i messaggi dell’operazione Barkhane martellano la sua intenzione di rimanere alla televisione maliana, Parigi brandisce la minaccia di un ritiro delle truppe mentre si gonfia la voce dei negoziati tra Bamako e il gruppo paramilitare russo Wagner. “Il discorso militare e politico della Francia è antagonista. Emmanuel Macron, Jean-Yves Le Drian e Florence Parly non hanno una posizione chiara: vogliamo andarcene, vogliamo rimanere? Chiude Niagalé Bagayoko, Presidente della rete del settore della sicurezza africana. Quindi scommettiamo sulla comunicazione militare, a rischio di vedere la forza militare francese diventare il ricettacolo per le critiche alla politica francese”. Secondo questo specialista in questioni di sicurezza in Africa occidentale, “la campagna sembra derivare da una concezione abbastanza datata del ruolo dello strumento militare e dal mito che l’uso della forza sia l’attributo supremo del potere politico”.

“Crediamo di essere in operazioni psicologiche, in guerra dell’informazione, ma sembra che siamo più nel registro della promozione pubblicitaria, che è controproducente”, aggiunge. L’operazione Barkhane, compresa tra l’agenda elettorale del capo di Stato francese, che dovrebbe candidarsi per un nuovo mandato nell’aprile 2022, e l’equilibrio di potere tra Parigi e Bamako, mantiene così una comunicazione dettata dalla realtà sul campo, anche se significa non attenersi interamente a quella dell’esecutivo francese. Tuttavia, è su richiesta dell’ambasciata francese in Mali che il messaggio iniziale “La Francia rimane nel Sahel”, delicato in un momento in cui alcuni accusano la Francia di neocolonialismo, ha lasciato il posto allo slogan “Insieme”, molto più consensuale. »

Tranne che per alcuni osservatori, la nuova strategia di comunicazione degli eserciti francesi in Mali è simile a “pubblicità clubbing”. “I dibattiti sono più efficaci di questi punti”, dice il caporedattore di una stazione radio del Mali, che dice di aver invitato i rappresentanti di Barkhane a discutere sui suoi set, senza successo. “Le stazioni radio sono una staffetta molto più efficace in un paese in cui il tasso di analfabetismo è così alto e dove la cultura dell’oralità è molto importante. Sono il primo riflesso a informarsi. Quanti maliani si fermano davanti ai cartelloni pubblicitari? Quanti capiscono anche cosa c’è scritto lì? “, interroga Massiré Diop, un giornalista del quotidiano L’Indépendant.

“La dottrina di conquistare cuori e spiriti è ormai obsoleta”, aggiunge Niagalé Bagayoko. Deriva sia dalle esperienze di Lyautey e Gallieni alla fine del XIX secolo che all’inizio del XX secolo, conclusioni tratte da teorici come Trinquier e Hogard dopo la sconfitta indocinese, dall’idea di inserimento nell’ambiente di intervento sviluppata alla fine degli anni ’50 in Algeria da Galoula. Molti teorici militari – tra cui recentemente gli americani in Afghanistan – hanno trovato interessante continuare a trarre ispirazione da questi approcci. Ma all’epoca, gli insorti volevano conquistare il potere quando i loro avversari cercavano di preservare il loro impero. Oggi non siamo più in tali configurazioni, ma in un ambiente di sovranità in cui le persone intendono affermare il loro diritto di essere protette e non accettano la manipolazione della loro intelligenza e dei loro sentimenti. »

Se è difficile immaginare che questo tipo di operazione di comunicazione possa riportare la capitale del Mali al tempo delle manifestazioni spontanee che celebrano l’operazione Serval e François Hollande, in che modo la “guerra dell’informazione” francese influisce sul teatro delle operazioni? Per rispondere a questa domanda vedremo quale situazione si verificherà in Mali su medio breve termine. Solo così potremmo giudicare con la prova dei fatti l’efficacia o meno di questa guerra dell’informazione posta in essere dai francesi in Mali.

Macron,Putin e il Mali

Durante la loro intervista telefonica, è stata discussa principalmente la crisi migratoria al confine Bielorussia-Polonia, Emmanuel Macron e Vladimir Putin hanno anche discusso la questione Wagner in Mali. Come nelle loro precedenti discussioni sull’argomento, il Presidente francese ha invocato l’arrivo di mercenari russi a Bamako e ha ribadito che un tale scenario avrebbe avuto gravi conseguenze.

La sua controparte russa ha ripreso ancora una volta i suoi elementi linguistici: Wagner è una società privata che risponde a una logica di mercato che il Cremlino non controlla. Ma a Parigi, l’ipotesi di uno sbarco della compagnia in Mali continua ad essere presa sul serio.

Agli occhi dei funzionari francesi, la giunta al potere a Bamako intende davvero concludere un tale accordo.

Il 12 novembre Wagner e Mali erano già stati oggetto di discussione in un mini-vertice dedicato alla situazione nel Sahel, organizzato all’Eliseo a margine del Forum di pace di Parigi. Roch Marc Christian Kaboré, Mohamed Bazoum e Mahamat Idriss Déby Itno sono stati poi invitati da Emmanuel Macron. Tuttavia, nessun funzionario maliano o mauritano aveva fatto il viaggio nella capitale francese.

I tre capi di Stato saheliani hanno poi sottolineato l’indebolimento del loro partenariato per la sicurezza con Bamako. In linea con la posizione dell’ECOWAS, hanno anche espresso le loro preoccupazioni per il possibile arrivo di Wagner in Mali. Preoccupazione che anche hanno espresso direttamente ad Assimi Goitta come la maggior parte degli altri presidenti dell’Africa occidentale.

È stata anche discussa la questione del battaglione ciadiano della forza congiunta G5 Sahel con sede a Tera, Niger. È stato sottoccupato nelle ultime settimane, in particolare a causa di problemi di supporto logistico. Macron, Bazoum, Kaboré e Déby Itno hanno quindi accettato di trovare soluzioni per renderlo operativo.

Infine, Emmanuel Macron ha discusso del Sahel l’11 novembre con Kamala Harris, che ha ricevuto a lungo all’Eliseo. Il vicepresidente degli Stati Uniti ha ribadito la volontà degli Stati Uniti di lavorare nella regione, in particolare in termini di intelligence. La questione del sostegno delle Nazioni Unite al G5 Sahel, a cui Washington si oppone, è stata affrontata anche dal presidente francese e dal suo ospite.

Il 15 settembre, il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha annunciato che l’Unione europea (UE) seguirà l’ECOWAS e applicherà sanzioni contro lo Stato del Mali. “C’è una volontà comune di decidere il quadro giuridico delle sanzioni che saranno attuate contro Wagner e coloro che lavorano con esso”, ha aggiunto.

Il budget del Pentagono

È finalmente arrivato al congresso americano il National Defense Authorization Act, o NDAA, che stabilisce la politica per il Pentagono su una serie di aree, tra cui quanti fucili e navi dovrebbe acquistare, gli stipendi dei soldati e il modo migliore per affrontare le minacce geopolitiche. https://www.congress.gov/bill/117th-congress/house-bill/4350/text

Arriva mesi dopo che la Camera ha approvato la sua versione di un disegno di legge sulla politica di difesa di 768 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2022.

In particolare il documento indirizza i funzionari della difesa e dell’intelligence a dettagliare come proteggere l’Afghanistan da potenziali minacce terroristiche.

La versione del Senato del disegno di legge sulla politica di difesa per l’anno fiscale 2022 è stata introdotta da Sens. Jack Reed (D-R.I.), presidente del Comitato per i servizi armati, e Jim Inhofe (R-Okla.), membro del comitato repubblicano in classifica, a settembre. https://www.reed.senate.gov/news/releases/under-leadership-of-chairman-reed-senate-armed-services-committee-advances-2022-defense-budget.Un aspetto estremamente significativo è la volontà da parte del congresso americano di affiancare a questo progetto anche l’ Innovation and Competition Act (USICA), che con un investimento di 52 miliardi di dollari intende incrementare la produzione di semiconduttori negli Stati Uniti e autorizzare una spesa di 190 miliardi di dollari per rafforzare la tecnologia e la ricerca statunitensi per competere con la Cina. https://www.congress.gov/bill/117th-congress/senate-bill/1260

Queste norme giuridiche serviranno a rafforzare la produzione americana, sistemare le catene di approvvigionamento e investire nella prossima generazione di ricerca tecnologica all’avanguardia in funzione di contenimento anticinese .

Francia e Nigeria

Secondo https://www.jeuneafrique.com/1267867/economie/nigeria-france-comment-totalenergies-sappuie-sur-un-richissime-prince-pour-etendre-sa-presence/

’11 novembre, l’uomo d’affari nigeriano Arthur Eze ha incontrato in Francia il direttore africano del ramo di esplorazione e produzione del gigante petrolifero francese TotalEnergies, il franco-Gabonais Henri-Max Ndong-Nzue

Arthur Eze, che ha finanziato il Partito Democratico Popolare di Goodluck Jonathan era già venuto in Francia , dove ha partecipato al Forum di pace di Parigi insieme a Emmanuel Macron e al vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris. Questo dimostra il ruolo centrale per la Francia della Nigeria sia dal punto di vista politico. Non dimentichiamoci infatti che in Nigeria la produzione del gruppo francese ha raggiunto 100 milioni di barili di petrolio equivalente, più delle sue estrazioni combinate in Angola (78 milioni) e Gabon (10 milioni).

India e Tagikistan

La situazione politica instabile e il decadimento delle istituzioni politiche in Afghanistan si stanno verificando in gran parte a causa del dominio talibano. C’è un consenso più ampio tra gli analisti politici sul fatto che insieme al flusso di rifugiati ci sarà anche una proliferazione di radicalismo e terrorismo da questo paese lacerato dai problemi alle regioni adiacenti. Questo perché i talebani sono essi stessi un’organizzazione radicale e terroristica senza avere alcun mandato di governo da parte delle masse comuni in Afghanistan e che opera in gran parte con il sostegno di Pakistan, Cina e Turchia.

L’acquisizione del potere talibana ha implicazioni sia per la politica interna che per la sicurezza regionale. In questo contesto, India e Tagikistan stanno cooperando efficacemente per controllare le sfide di sicurezza derivanti dall’Afghanistan. La cooperazione tra entrambi i paesi è necessaria in questo frangente perché entrambi condividono una visione comune sulla sicurezza e la stabilità dell’Afghanistan. Allo stesso modo, anche Nuova Delhi e Dushanbe hanno cooperato in passato contro i talebani quando hanno assunto il potere in Afghanistan durante la metà degli anni ’90. Allo stesso tempo, anche il Tagikistan sta affrontando il peso del problema dall’emergere dei talebani come nuovo centro di potere dell’Afghanistan senza avere legittimità.Infatti la popolazione tagika dell’Afghanistan, che costituisce circa il 27 per cento della popolazione afghana, sta fuggendo in Tagikistan. Le relazioni suggeriscono anche che con l’ascesa al potere dei talebani potrebbe esserci un aumento sostanziale della produzione di sostanze stupefacenti in Afghanistan per generare entrate. Questo sta creando ulteriori sfide di sicurezza per il governo Emomali Rahmon del Tagikistan. Il Tagikistan sta diventando il principale punto di transito per il trasporto illegale di stupefacenti dall’Afghanistan. Anche l’India sta affrontando minacce da parte dei talebani. https://www.unodc.org/unodc/en/frontpage/2010/November/tajikistan-is-the-first-line-of-defence-in-stemming-afghan-drugs-says-unodc-executive-director.html

Venendo alla questione delle relazioni India-Tagikistan, entrambi i paesi hanno strategizzato le loro relazioni in diversi settori, compresa la cooperazione in materia di difesa. L’India ha una infrastruttura militare vicino a Dushanbe e ha svolto un ruolo cruciale nel fornire assistenza umanitaria alla popolazione civile dell’Afghanistan in passato.

L’importanza che l’India attribuisce al Tagikistan può essere evidente dal fatto che negli ultimi anni il primo ministro Narendra Modi ha visitato il Tagikistan nel 2015 e il presidente Ram Nath Kovind ha successivamente visitato questo paese dell’Asia centrale nel 2018. Si può ricordare qui che anche il presidente del Tagikistan Emomali Rahmon ha visitato l’India nel 2016. Tutte queste visite dimostrano che entrambi i paesi condividono una prospettiva comune su questioni globali e regionali.

In questo contesto, India e Tagikistan dovrebbero perseguire una cooperazione più stretta, compresa quella militare. https://thediplomat.com/2021/11/afghan-pilots-held-in-tajikistan-finally-out/

Esiste già una cooperazione in materia di sicurezza e difesa tra India e Tagikistan. L’ultimo incontro consultivo tra i due paesi si è svolto nel febbraio 2021 prima dell’attuale crisi afghana. Il ministro degli Esteri indiano S Jaishankar durante la sua visita a Dushanbe per aver partecipato al recente vertice dei ministri degli Esteri della SCO ha incontrato il presidente tagiko Rahmon e ha discusso questioni relative alla situazione della sicurezza all’indomani dell’emergere dei talebani.Ma questa partnership si è consolidata recentemente attraverso una accordo tra il consigliere per la sicurezza nazionale del primo ministro Narendra Modi Ajit Doval e dal segretario del consiglio di sicurezza del Tagikistan Nasrullo Rahmatjon Mahmudzo con lo scopo di rafforzare l’aeronautica Indiana https://www.indiatoday.in/world/story/taliban-afghanistan-indian-air-force-iaf-airbase-tajikistan-gissar-military-aerodrome-ayni-1850209-2021-09-07 ma anche

per potere cooperare nel contesto della intelligence . https://timesofindia.indiatimes.com/india/regional-security-dialogue-live-updates-10-11-2021/liveblog/87616455.cms

La Dgse e il contrasto all’integralismo islamico

Bernard Bajolet ha riconosciuto, davanti al tribunale speciale il 16 novembre, le carenze dei servizi segreti esterni. L’ex capo della DGSE https://www.liberation.fr/societe/2013/04/10/bernard-bajolet-a-la-tete-de-la-dgse_895170/

riconosce senza mezzi termini che gli attacchi del 13 novembre sono stati “un fallimento” dei suoi servizi, niente di meno. “Sono rimasto sbalordito dall’entità del massacro, ma anche dal fatto che non ero riuscito a impedirlo”, ammette Bajolet durante un intervento sobrio e solenne, di fronte alla Corte d’Assise di Parigi. https://www.europe1.fr/societe/proces-du-13-novembre-emu-et-marque-lancien-chef-de-la-dgse-fait-son-mea-culpa-4077519

Bajolet non elude la questione dei fallimenti della intelligence .Infatti anche se

Abaaoud era stato attenzionato dai servizi fin dal 2013 e anche se i servizi sapevano i suoi contatti con Mehdi Nemmouche, autore dell’attacco al Museo ebraico di Bruxelles non sono riusciti a impedire l’attacco.

Ma perché ci sarebbe stato questo fallimento? Una delle cause-come sottolinea l’ex direttore del servizio segreto esterno francese-era – ed è – la difficoltà di raccogliere informazioni su Daesh.Infatti Infiltrarsi nello Stato islamico non è facile, è pericoloso. Infatti è un’organizzazione molto compartimentata, supervisionata dagli ex servizi segreti iracheni. Riuscire a individuare gli operativi in Europa è ancora più difficile. Bajolet racconta i 50.000 jihadisti presenti nel mondo, l’inondazione di milioni di siriani che si precipitano alle porte d’Europa e di come l’ISIS si infiltra con passaporti falsi o rubati…

Ma ancora più significative-se è possibile-sono le dichiarazioni dell’ex direttore in merito ai contrasti fortissimi tra il servizio segreto interno ed esterno francese.

“Quando ero coordinatore dell’intelligence, i direttori di entrambi i dipartimenti (DGSE e DGSI) non si parlavano l’un l’altro e hanno scritto documenti molto spiacevoli l’uno sopra l’altro. Li convoco, li costringo a firmare un protocollo, che non applicheranno mai”.

Data Center ,Africa e Europa

Cosa accadrebbe se l’Irlanda o i Paesi Bassi, due paesi che ospitano dati provenienti da molti paesi africani, decidessero un giorno di interrompere l’accesso ai loro data center? Diversi milioni di africani e centinaia di migliaia di aziende perderebbero i loro preziosi dati durante la notte. Se sembra estrema, questa ipotesi non è impossibile, poiché i governi del continente, per mancanza di investimenti o volontà politica, sono rimasti indietro nello spiegamento delle loro infrastrutture digitali.Nell’era del “cloud” e della digitalizzazione a tutto tondo, la posizione dell’infrastruttura che conserva ed elabora milioni di gigabyte di dati è una questione strategica. Questi centri di archiviazione – o data center – concentrano le informazioni digitali prodotte da organizzazioni private o pubbliche. A volte memorizzati internamente su uno o due server (grandi dischi rigidi con una capacità di archiviazione di diversi gigabyte), possono anche essere trasferiti in un data center di diverse centinaia di metri quadrati, ultra sicuro e contenente migliaia di server.

Ospitando i loro dati al di fuori dei loro confini, i paesi africani stanno cedendo parte della loro sovranità politica, economica e digitale.La tendenza al rimpatrio di queste informazioni sembra continuare, poiché il settore dei data center si sviluppa nel continente e gli attori internazionali intensificano gli investimenti per una migliore connettività in Africa.

Negli ultimi tre anni, diverse centinaia di milioni di dollari sono stati raccolti da attori come Africa Data Centres, Raxio Group, Rack Centre o MainOne, gruppi con capitale africano o straniero ma dedicati esclusivamente al continente. Obiettivo: sostenere i loro progetti per costruire infrastrutture ex nihilo o rilevare le infrastrutture esistenti.