Giangiuseppe Pili Alexander Moseley A philosophy of war

Articolo

Giovanni Caprara Intervista a Arduino Paniccia

Articolo

Giovanni Caprara L’INTERPRETAZIONE STRATEGICO MILITARE DELL’EQUILIBRIO DI JOHN NASH

Articolo

GiangiuseppePili Guerra ed epistemologia sociale

Università San Raffaele -Milano

Massimo Franchi Presentazione del volume Deception

Capitale Intellettuale n.3/2014

Gagliano Giuseppe Stato,potenza e guerra economica

Il presente volume è stato pubblicato nella collana della Società italiana di storia militare a cura del Presidente Virgilio Ilari.La prefazione è del Generale Carlo Jean

Colonello Pietrangeli MANUALE TECNICO MILITARE RAPIDO PER IL MONTAGGIO/RIPRISTINO DI BREVI TRATTI DI RACCORDI FERROVIARI MILITARI O PER IL RIPRISTINO DI TRATTI IN ZONE A RISCHIO

Saggio

Gagliano Giuseppe Deception-Disinformazione e propaganda nella moderna società di massa,Edizioni Fuoco

Di prossima pubblicazione

Saggio

Colonello Mario Pietrangeli TRENI MILITARI VIE DI COMUNICAZIONI E TRASPORTI DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE

Articolo

Il realismo politico nella interpretazione di Pier Paolo Portinaro

Pier Paolo Portinaro (Torino, 11 ottobre 1953) è un accademico italiano. Professore ordinario di Filosofia politica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino, è altresì membro dell’Accademia delle Scienze di Torino. Allievo di Norberto Bobbio, borsista della Fondazione Luigi Einaudi a Torino e della Alexander von Humboldt-Stiftung a Bonn, ha insegnato Scienza politica presso il Seminar für wissenschaftliche Politik dell’Università di Friburgo in Brisgovia e Sociologia presso l’istituto di sociologia dell’Università di Magonza. Ha curato e presentato al pubblico italiano numerose opere di Kant, Hans Jonas, Günther Anders; è autore di varie pubblicazioni sulla scia del realismo politico, sul liberalismo europeo e sul rapporto tra diritto, politica e giustizia della giustizia penale internazionale. Insegna per la classe di Scienze Sociale all’Istituto di Studi Superiori di Pavia e, nel 1992, è diventato professore associato di Filosofia politica presso l’ateneo torinese. Nel 2001 professore ordinario.