Macron,Putin e il Mali

Durante la loro intervista telefonica, è stata discussa principalmente la crisi migratoria al confine Bielorussia-Polonia, Emmanuel Macron e Vladimir Putin hanno anche discusso la questione Wagner in Mali. Come nelle loro precedenti discussioni sull’argomento, il Presidente francese ha invocato l’arrivo di mercenari russi a Bamako e ha ribadito che un tale scenario avrebbe avuto gravi conseguenze.

La sua controparte russa ha ripreso ancora una volta i suoi elementi linguistici: Wagner è una società privata che risponde a una logica di mercato che il Cremlino non controlla. Ma a Parigi, l’ipotesi di uno sbarco della compagnia in Mali continua ad essere presa sul serio.

Agli occhi dei funzionari francesi, la giunta al potere a Bamako intende davvero concludere un tale accordo.

Il 12 novembre Wagner e Mali erano già stati oggetto di discussione in un mini-vertice dedicato alla situazione nel Sahel, organizzato all’Eliseo a margine del Forum di pace di Parigi. Roch Marc Christian Kaboré, Mohamed Bazoum e Mahamat Idriss Déby Itno sono stati poi invitati da Emmanuel Macron. Tuttavia, nessun funzionario maliano o mauritano aveva fatto il viaggio nella capitale francese.

I tre capi di Stato saheliani hanno poi sottolineato l’indebolimento del loro partenariato per la sicurezza con Bamako. In linea con la posizione dell’ECOWAS, hanno anche espresso le loro preoccupazioni per il possibile arrivo di Wagner in Mali. Preoccupazione che anche hanno espresso direttamente ad Assimi Goitta come la maggior parte degli altri presidenti dell’Africa occidentale.

È stata anche discussa la questione del battaglione ciadiano della forza congiunta G5 Sahel con sede a Tera, Niger. È stato sottoccupato nelle ultime settimane, in particolare a causa di problemi di supporto logistico. Macron, Bazoum, Kaboré e Déby Itno hanno quindi accettato di trovare soluzioni per renderlo operativo.

Infine, Emmanuel Macron ha discusso del Sahel l’11 novembre con Kamala Harris, che ha ricevuto a lungo all’Eliseo. Il vicepresidente degli Stati Uniti ha ribadito la volontà degli Stati Uniti di lavorare nella regione, in particolare in termini di intelligence. La questione del sostegno delle Nazioni Unite al G5 Sahel, a cui Washington si oppone, è stata affrontata anche dal presidente francese e dal suo ospite.

Il 15 settembre, il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha annunciato che l’Unione europea (UE) seguirà l’ECOWAS e applicherà sanzioni contro lo Stato del Mali. “C’è una volontà comune di decidere il quadro giuridico delle sanzioni che saranno attuate contro Wagner e coloro che lavorano con esso”, ha aggiunto.