I mercenari e la Francia. Il padre e il figlio bastardo

Sono sempre più frequenti gli attacchi del presidente Emanuelle Macron nei confronti dell’uso della compagnia Wagner da parte della Russia in Mali. Se da un lato questi attacchi sono il risultato della consapevolezza da parte della Francia di stare perdendo sempre più terreno rispetto alla Russia -come rispetto alla Cina- dal punto di vista storico queste riflessioni da parte del presidente francese non hanno alcuna ragione d’essere perché la Francia ha sempre avuto un rapporto sinergico proprio con i mercenari.

Infatti tra i servizi segreti e i mercenari il rapporto è lo stesso di un nobile padre e un bastardo.

I bacini di reclutamento principali dei mercenari sono i reggimenti paracadutisti, le truppe marine (ex coloniali) e la Legione Straniera. All’età di 20, 25 o 30 anni, questi uomini hanno lasciato un’istituzione ritenuta troppo burocratica per assumersi responsabilità nell’ambito di gruppi operativi più piccoli.

I mercenari cercano di mantenere relazioni personali con persone della DGSE o della cellula African Elysee, che li legittima agli occhi dei loro clienti.Pensiamo al generale Jeannou Lacaze, ex capo di stato maggiore delle forze armate. Membro del servizio di documentazione esterna e controspionaggio (Sdece), cui è succeduta la DGSE nel 1982, Lacaze conosceva bene Bob Denard uno più noti mercenari francesi a livello internazionale. Ma per quale ragione lo Stato-ieri come oggi-fa uso di soldati privati? L’uso dei soldati privati presenta diversi vantaggi: per esempio lo stato democratico al riparo dalle critiche dell’opinione pubblica può agire con più discrezione ed efficienza.I mercenari non lasciano tracce. Il secondo vantaggio è rappresentato dal fatto che i mercenari non hanno un legame diretto, esplicito e organico con lo Stato e questo consente allo Stato di porre in essere una politica all’insegna della spietatezza e della violazione dei diritti umani per procura. Al presidente Macron bisognerebbe ricordare che tutti i presidenti della quinta Repubblica hanno fatto uso di mercenari : il generale de Gaulle poi Georges Pompidou, dal Katanga al Biafra, Valéry Giscard d’Estaing, dalle Comore al Benin, François Mitterrand, dal Ciad in Gabon. Sotto la presidenza di Jacques Chirac sono state tollerate diverse operazioni: Zaire (1997), Congo-Brazzaville (1997-1998, 2000), Costa d’Avorio (2000, 2002).Ma

l’invio di mercenari può anche costituire un segno politico di appoggio, anche minimalista, come avvenne in Zaire, alla fine del 1996-inizio 1997. Una trentina di francesi erano incaricati di sovrintendere all’esercito di Joseph Mobutu sbaragliato dalle truppe di Laurent-Désiré Kabila, equipaggiata da Rwanda e Uganda. L’operazione si è svolta in condizioni patetiche: equipaggiamento scarso e difettoso, apatia delle truppe zairese, conflitto tra mercenari francesi e serbi, rivalità tra due servizi francesi .

L’oggettiva complicità tra il privato e lo Stato traspare anche dal fatto che i “colpi” compiuti dal primo non vengono generalmente messi in discussione dal secondo. Così, l’operazione di Bob Denard, nelle Comore, nel settembre 1995, ha permesso di rovesciare il presidente Saïd Mohamed Djohar, un autocrate diventato incontrollabile. Il presidente deposto non è tornato al potere il mese successivo dopo l’intervento delle forze francesi…

Pochi tuttavia sanno che esiste un dipartimento francese appositamente dedicato al controllo dei mercenari.Si tratta del dipartimento della Direzione Protezione e Sicurezza della Difesa (DPSD), all’interno del Ministero della Difesa. Tuttavia ci sono delle rilevanti eccezioni: dopo aver svolto le loro missioni spesso i mercenari hanno la brutta abitudine di raccontare tutto quello che hanno fatto a tutto e a tutti.e questo rende il loro uso sempre molto pericoloso e rischioso.

Diversi fattori possono spiegare questo fenomeno: la disgregazione e l’espansione dell’ambiente mercenario, la crescente difficoltà, per ragioni politiche e morali, di farvi ricorso, ma anche, da parte dello Stato, uno smembramento del processo decisionale centri così come le schermaglie tra servizi concorrenti.

È necessario allora sapere chi controlla: la DGSE, la Direzione della Vigilanza Territoriale (DST), gli Affari Esteri, il Presidente del Consiglio o la Presidenza della Repubblica? La disgregazione dei centri decisionali politici ha raggiunto all’inizio del 2000, quando su iniziativa di un consigliere dell’Eliseo, una missione di sei uomini fu assegnata al generale Robert Gueï, l’effimero capo di stato ivoriano, per smantellare le reti di opposizione e ristrutturare la guardia presidenziale. Sei mesi dopo, l’operazione fu smantellata… su richiesta di Matignon. Il dominio di Jacques Foccart sulla politica africana nel suo insieme è molto lontano.

A queste opposizioni all’interno del governo si aggiungono le iniziative personali dei politici, mobilitando, ad esempio, le reti di Charles Pasqua o del colonnello Maurice Robert, ex direttore per l’Africa del Servizio di documentazione e spionaggio esterno (Sdece) ed ex ambasciatore in Gabon. Le operazioni organizzate senza che uno dei servizi interessati (DPSD, DGSE o DST) ne sia a conoscenza sono infatti eccezionali.

Allertati, i politici hanno quindi sempre la possibilità di intervenire.

Nel peggiore dei casi, i servizi possono quindi interrompere o vietare un’operazione come successe per la spedizione in Madagascar, nel giugno 2002.

Anche se confinati a piccoli ruoli, i mercenari restano dunque, ove opportuno, strumenti della politica estera della Repubblica. In Francia come altrove, alcune agenzie specializzate sono dei veri e propri hub per ottenere questo tipo di lavoro. Le più note agenzie di sicurezza private o società di prevenzione e gestione delle crisi negano di avere alcun legame con questo tipo di attività, ma resta poco chiaro il confine con le società militari private. Niente a che vedere, invece, con le grandi aziende anglosassoni – Sandline International, Dyncorp, Defense System Ltd, Military Professional Resources Incorporated (MPRI), Wackenhut, ecc. – pronti a implementare sistemi sofisticati in termini di attrezzature e personale in tempi record.

Le responsabilità della Francia nel genocidio ruandese. Le numerose ommissioni del rapporto della commissione Duclert

Il 26 marzo 2021, dopo due anni di lavoro, la commissione di ricerca sugli archivi francesi relativi al Ruanda e al genocidio dei tutsi (1990-1994), presieduta dallo storico Vincent Duclert, rompe un tabù sull’azione della Francia in questo piccolo paese nella regione dei Grandi Laghi in Africa. Ma restano delle zone d’ombra dovute alla segretezza che circondava la politica africana a Parigi e alla difficoltà di accedere ai documenti ufficiali dell’epoca.

Mentre i militari interessati sono ora sollevati dal dovere di riservatezza , l’accesso agli archivi resta soggetto ad autorizzazioni eccezionali. Il codice del patrimonio (articolo L. 213-4) impedisce l’apertura di quelli dell’esecutivo (presidenza e governo) per almeno venticinque anni. Tuttavia, secondo l’avvocato Bertrand Warusfel, la maggior parte dei segreti, anche quelli militari, perdono la loro importanza dopo dieci o quindici anni .Sebbene i ricercatori possano richiedere esenzioni, queste vengono concesse a discrezione dell’esecutivo stesso. Lo stesso telegramma diplomatico del 1993 poteva così essere consultato in un dato momento da tutti i ricercatori a La Courneuve (archivi del Ministero degli Affari Esteri), ma solo su richiesta di altri a Pierrefitte (Élysée); lo stesso modulo della Direzione generale per la sicurezza esterna (DGSE) è accessibile a Pierrefitte, ma non a Vincennes (Ministero francese delle forze armate) …

Un’altra serratura protegge le autorità dalla curiosità di cittadini e ricercatori: la segretezza. Nonostante il nome, può proteggere archivi estranei alla difesa. Secondo un rapporto ufficiale del 2018, sono classificati cinque milioni di documenti, di cui meno della metà dal Ministero delle Forze Armate; gli altri provengono dal Ministero dell’Interno o riguardano il nucleare civile, o addirittura… l’agricoltura .I documenti che il Ministero delle Forze Armate declassifica sono spesso irrilevanti, incompleti o omessi.Difficile non condividere il giudizio di Marc Trévidic -L’ex giudice antiterrorismo -che mette in dubbio la conformità costituzionale di un principio che consente al potere esecutivo di ostacolare la giustizia su argomenti “sensibili” .

La politica francese in Ruanda tra il 1990 e il 1994 rientra in questa categoria. Come tutti i presidenti della Quinta Repubblica, François Mitterrand, in nome della stabilità del continente, sostenne regimi autoritari ritenuti favorevoli alla Francia. Nel 1990 è il caso di quello del presidente Juvénal Habyarimana, minacciato dalla ribellione del Fronte patriottico ruandese (RPF), ora al potere. L’Eliseo poi decide da solo, tenendo a bada Parlamento e gran parte del governo, come conferma il rapporto Duclert. Le informazioni sui preparativi per il genocidio contro i tutsi sono sistematicamente escluse; gli informatori, come il colonnello René Galinié, addetto alla difesa a Kigali, il generale Jean Varret, capo della cooperazione militare, o Claude Silberzahn, a capo della DGSE, vengono licenziati e sostituiti.

Nel 1993, divenute pubbliche le accuse ,l’Eliseo e lo stato maggiore provocano ritorsioni mediatiche: la storia semplificatrice di un regime legittimo attaccato da un movimento armato straniero con sede in Uganda e favorevole agli interessi anglo-americani. si diffuse sulla stampa. Questa negazione, che affonda le sue radici nella segretezza delle deliberazioni del governo, durerà per un quarto di secolo. Dopo l’attacco del 6 aprile 1994, in cui furono uccisi il presidente Habyarimana e il suo omologo burundese Cyprien Ntaryamira, i decisori francesi si impantanarono a sostegno degli estremisti hutu mentre si impegnavano ad assassinare i loro principali avversari, prendere il potere e sterminare sistematicamente i tutsi . Tra il 7 aprile e il 17 luglio 1994 sono stati massacrati 800.000 uomini, donne e bambini, secondo le Nazioni Unite (ONU) .Come interpretare l’atteggiamento delle autorità francesi? Solo l’accesso agli archivi risponderà a questa domanda.

Si tratta principalmente di circa diecimila documenti del Palazzo dell’Eliseo, depositati presso l’Archivio Nazionale di Pierrefitte, e circa altrettanti del Ministero degli Affari Esteri, tra cui molti telegrammi diplomatici, e mezzo migliaio di fascicoli DGSE, spesso duplicati in più fondi . A ciò si aggiungono circa 200.000 documenti di interesse molto vario sparsi nel servizio di difesa storica (SHD) di Vincennes.

Sotto la crescente pressione di giornalisti e associazioni, Parlamento, giustizia e presidenti François Hollande e poi Emmanuel Macron hanno chiesto ciascuno la declassificazione di una o più migliaia di documenti. Ma la maggior parte dei documenti rimane inaccessibile al pubblico, mentre le condizioni di consultazione degli altri scoraggiano la ricerca per l’impossibilità di effettuare copie. È inoltre vietata la pubblicazione online di tali documenti. I più difficilmente accessibili sono gli archivi del Ministero delle Forze Armate, che non fornisce nemmeno l’inventario SHD

Le autorità pubbliche reagiscono lentamente e con cautela alle domande dei ricercatori e degli investigatori. Così le rivelazioni del giornalista Patrick de Saint-Exupéry a Le Figaro (dal 12 al 15 gennaio 1998) che metteva in discussione l’atteggiamento della Francia durante il genocidio hanno provocato la creazione di una semplice missione di informazione parlamentare (MIP), il 3 maggio 1998, quando una commissione di indagine sarebbe stato più efficace.

Su altri punti, il MIP si autocensura. Non convoca, per esempio, il capitano Paul Barril, un ex gendarme dell’Eliseo divenuto mercenario, ma spesso citato nelle indagini sul Ruanda. Se svolge molte udienze, alcune si svolgono a porte chiuse, come quelle dei direttori della Dgse o di tanti militari. Non pubblica la lettera del generale Jean Rannou del 15 giugno 1998, che attesta l’esistenza delle due scatole nere del Falcon 50 presidenziale abbattuto il 6 aprile 1994 e ne elenca le caratteristiche. Tuttavia, il MIP fornisce alcune informazioni utili, come le allerte inviate dal generale Varret nel 1990: “Sono pochissime, le liquideremo”, gli disse a proposito dei tutsi il capo della gendarmeria ruandese. Rivela in parte il controllo esercitato dal colonnello francese Didier Tauzin sull’esercito ruandese nel febbraio-marzo 1993. Purtroppo il suo rapporto finale si limita a una sintesi parziale del suo lavoro.

Dal 2005, le denunce dei sopravvissuti tutsi hanno portato i tribunali a chiedere la declassificazione degli archivi militari. Ma, anche qui, l’apertura resta parziale, come attesta la Gazzetta Ufficiale, dove si registrano i rifiuti ricevuti dai magistrati .Nel 2015, la promessa del signor Hollande di aprire gli archivi dell’Eliseo a tutti i ricercatori si è scontrata con la rappresentante di Mitterrand, la signora Dominique Bertinotti, che ha concesso autorizzazioni di consultazione solo in piccole quantità, senza diritto di fotografia. Sequestrato da ricercatori e associazioni delle vittime, il Consiglio di Stato, riunito in formazione solenne, decide il 12 giugno 2020 a favore dell’«interesse di informare il pubblico su questi eventi storici» contro la «tutela dei segreti di Stato» Questa formula generale, pronunciata in un caso particolare, suona come un avvertimento. In altre democrazie, come il Regno Unito, una richiesta di archivio comparabile può essere soddisfatta in sei settimane e il documento inviato dopo un ulteriore periodo della stessa lunghezza.

Nell’aprile 2019, Macron, ansioso di migliorare l’immagine della Francia in Ruanda e in Africa, ha accreditato la commissione di accademici presieduta da Duclert. Gli dà accesso a una collezione di archivi, sia civili che militari. Nessuno specialista dei Grandi Laghi africani è incluso, poiché si tratta soprattutto di analizzare il funzionamento dello Stato. Il voluminoso rapporto che ne risulta cita ottomila documenti, in particolare dell’Eliseo, del Matignon, della DGSE e dell’SHD. Mette infine al loro posto coloro che cercano di negare il genocidio dei tutsi o di assolvere la Francia da ogni responsabilità.

Necessario, tuttavia, questo rapporto rimane insufficiente, in ritardo rispetto alle pubblicazioni esistenti di ricercatori, giornalisti e associazioni. I suoi limiti sono di diversi tipi. Gli stessi autori ammettono che gli archivi mancano o potrebbero essere stati distrutti. L’ufficio dell’Assemblea nazionale ha quindi rifiutato di rilasciare tutti i MIP, non solo i verbali delle udienze a porte chiuse.

Inoltre, la commissione Duclert, incaricata di studiare il periodo 1990-1994, ha escluso documenti successivi ma rilevanti.

Inoltre, nell’analisi degli archivi che rientrano nel suo ambito, il rapporto appare incompleto. Si cerca invano il resoconto da parte francese dei colloqui avvenuti dal 9 al 13 maggio 1994 tra il generale Jean-Pierre Huchon, addetto alla difesa di stanza a Kigali, e il tenente colonnello Ephrem Rwabalinda, che chiese aiuto a Parigi . Il secondo era tra i vice del capo di stato maggiore delle forze armate ruandesi (FAR), che poi partecipò al genocidio. “I soldati francesi”, spiega l’ufficiale FAR nel suo racconto di questi incontri, “hanno mani e piedi legati per fare qualsiasi intervento a [loro] favore a causa dell’opinione dei media che solo l’RPF sembra pilotare. . Se non si farà nulla per ribaltare l’immagine del Paese verso l’esterno, i leader militari e politici del Ruanda saranno ritenuti responsabili dei massacri commessi in Ruanda. “Pertanto, aggiunge,” la lotta mediatica è un’emergenza. Essa condiziona altre operazioni successive»

Più in generale, il rapporto, che si concentra sul pre-genocidio, minimizza il sostegno francese (descritto come una “strategia indiretta” dal generale Christian Quesnot) fornito durante i massacri al governo ad interim ruandese (GIR) e alle FAR. Ha solo scalfito la superficie della questione delle consegne di munizioni dopo il 6 aprile 1994, ma sufficientemente consolidata per essere oggetto di una denuncia di complicità in genocidio. Ignora completamente la presenza, per quanto ben documentata, di una dozzina di soldati francesi nella zona governativa tra aprile e giugno, dopo la partenza ufficiale degli ultimi soldati francesi. Che ruolo avevano? Il rapporto, inoltre, non sfrutta i sei fascicoli DGSE che riguardano le due piccole squadre di mercenari comandate da Barril e Robert (“Bob”) Denard. Tuttavia, il primo ha firmato con il Presidente del Consiglio dei Ministri del GIR, il 28 maggio 1994, un contratto di assistenza dal titolo “Insetticida”. Per la cronaca, è con il termine “scarafaggi” che gli estremisti hutu si riferivano alle loro vittime tutsi.

Un’altra importante zona grigia riguarda l’operazione militare “Turquoise” (22 giugno – 22 agosto 1994), lanciata da Parigi con l’approvazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, per porre ufficialmente fine alle stragi. Nei primi giorni successivi allo scoppio, circa duemila profughi tutsi sulle colline di Bisesero, nel Ruanda occidentale, furono abbandonati ai loro assassini mentre i soldati francesi erano nelle vicinanze e informati della loro presenza. Di questi fatti incriminanti, il rapporto offre una storia incomprensibile ai non addetti ai lavori. Stranamente omette di menzionare che circa ottocento di questi profughi sono stati finalmente salvati il 30 giugno su iniziativa di soldati francesi che agivano senza ordini. Si limita a riprendere parte delle giustificazioni dell’esercito (“mancanza di intelligence”, “capacità militari ancora limitate”, “preoccupazione per il rispetto degli ordini ricevuti dal potere politico”), che gli archivi non supportano.

Una denuncia per complicità in genocidio, presentata dai sopravvissuti di Bisesero, mira a capire perché non sia stato dato alcun ordine di protezione e soccorso e di chi sia la responsabilità, sul posto e a Parigi. I documenti riservati che sono stati rifiutati ai giudici compaiono nel perimetro accessibile alla commissione, che è stata informata. Li ha cercati, li ha trovati? Tuttavia, non ha inviato nulla alla giustizia. Il rapporto afferma che le FAR si sono ritirate a luglio nella zona controllata da “Turquoise”, nota come “zona umanitaria sicura” (ZHS), dove devono essere disarmate. Se sottolinea i limiti di questa azione, omette di ricordare che le FAR continuano a combattere da questa zona, cosa che però attesta allo stesso tempo le mappe della DGSE ei rapporti di situazione degli stati maggiori.

Il rapporto racconta a lungo le discussioni all’interno dell’esecutivo francese e del Consiglio di sicurezza dell’Onu per sapere se “Turquoise” può e deve arrestare i membri del GIR che si sono rifugiati nello ZHS, o semplicemente controllarli in attesa di consegnarli. alla giustizia internazionale. Il signor Bernard Emié, del gabinetto del ministro degli Esteri Alain Juppé, ha quindi scritto al suo rappresentante in loco: “Utilizzate tutti i canali indiretti, e in particolare i vostri contatti africani, non esponendovi direttamente, per trasmettere a queste autorità i nostri vorrei che se ne andassero [lo ZHS]. Sottolineerà che la comunità internazionale e in particolare le Nazioni Unite dovrebbero ben presto determinare la condotta nei confronti di queste cosiddette autorità” .

Ma il rapporto ignora un elemento essenziale di contesto che fa luce su questi scambi. Sebbene nessuna decisione sia stata ancora presa, l’Eliseo e il Quai d’Orsay stanno affrontando il resto del governo con un fatto compiuto, il Parlamento francese e l’ONU: su richiesta del ministero degli Esteri, l’esercito francese permette ai criminali di andare in Zaire (oggi Repubblica Democratica del Congo), dove si stanno riorganizzando nel tentativo di riconquistare il Ruanda. Dopo il genocidio, lo stato non negherà il suo sostegno ai suoi alleati in fuga, sia in Zaire che in Francia, dove sono ampiamente accolti. Ma questo punto è totalmente assente.

Nel complesso, il rapporto Duclert dà l’impressione di fermarsi davanti a tutto ciò che potrebbe aprire la strada a un’azione penale. Tre caratteristiche sono alla base della nozione di complicità nel diritto e nella giurisprudenza francesi: il sostegno attivo, fornito con piena cognizione di causa e che ha avuto un effetto sul corso degli eventi. Tenendo conto degli elementi accumulati e stabiliti, la giustizia dovrebbe essere in grado di pronunciarsi. La commissione Duclert, pur non ritenendosi legittimata ad esprimere un simile giudizio, si permette di giungere a una conclusione altamente politica. Poiché non c’è traccia di intento genocida tra i decisori francesi, li esonera da qualsiasi complicità. Ricordiamo però che nel 1998 l’ex alto funzionario Maurice Papon fu condannato per complicità in crimini contro l’umanità senza aver aderito all’ideologia nazista e neppure aver avuto piena conoscenza del crimine commesso.

Il rapporto presenta Mitterrand ei suoi consiglieri come eccezioni, la loro politica in Ruanda come una disfunzione che appartiene al passato. L’obiettivo è riconciliare Francia e Ruanda, anche a scapito della conoscenza storica e della giustizia? Strano oggetto politico-universitario, il rapporto è stato redatto nei locali del ministero delle Forze armate. È stato presentato ai giornalisti da Franck Paris, consigliere per l’Africa di Macron, e dal generale Valéry Putz, membro del suo staff, i cui predecessori del 1994 sono implicati nel documento.

La grande difficoltà di fare piena luce sull’azione della Francia sottolinea la segretezza che ancora circonda la sua politica africana e il funzionamento delle istituzioni della Quinta Repubblica, che conferisce al Capo dello Stato e al suo entourage il potere di prendere, quasi senza tutela, decisioni con gravi conseguenze per popolazioni e interi paesi.