Rebecca Mieli Guerra economica

 

Recesione tratta da l’Informale 

Gagliano Giuseppe Guerra economica. Guerra della informazione

Nonostante le previsioni di molta letteratura politologica lo Stato resta il protagonista dell’arena globale, anche in campo economico. Nasce da qui la necessità di dotarlo degli strumenti necessari per affrontare la competizione internazionale per l’edificazione di un reale sistema-paese.
Gli Stati Uniti, in questo campo, sono stati “maestri”. Consapevoli del fatto che gli avversari geoeconomici sono sovente alleati geopolitici, hanno trasformato la “tecnica di attacco” in “forza di influenza”.

Nulla di tutto questo sarebbe possibile senza il coinvolgimento dell’intelligence economica e senza l’utilizzo dell’informazione come strumento di dominio. Quest’ultima, seppure non esaurisca le opzioni della guerra economica, è uno strumento imprescindibile per la sua realizzazione.
In Europa pochi hanno avuto il merito di studiare il ruolo delle intelligence nella guerra per le risorse e le tecnologie e in quella dell’informazione. L’esempio analizzato nel saggio è quello dell’École de Guerre Économique (EGE), nata in Francia nel 1997 e che vede in Christian Harbulot il suo più autorevole e noto esponente.

In un’ampia sezione eXtra, a corredo del saggio, si illustrano, tra l’altro, le modalità con le quali Greenpeace ha messo in atto la guerra della informazione ai danni delle multinazionali petrolifere.

GoWare

Gagliano Giuseppe Scritti sulla situazione in Germania e le origini del totalitarismo,GoWare,2018

Prefazione di Luciano Pellicani con saggi di Giuseppe Gagliano, Luigi Iannone, Hannah Arendt

GoWare

Gagliano Giuseppe GUERRA ECONÔMICA E COMPETIÇÃO NO MUNDO CONTEMPORÂNEO,Editore UfPel,2018

Ringranzio il Prof.Charles Pennaforte per avere reso possibile la pubblicazione presso l’editore universitario UfPel in portogese-brasiliano del mio saggio sulla guerra economica e sulla riflesione di Christian Harbulot.

Gagliano Giuseppe La politica che guida l’economia: così la Cina sta per diventare la prima potenza mondiale

https://www.ilprimatonazionale.it/esteri/la-politica-che-guida-leconomia-cosi-la-cina-sta-per-diventare-la-prima-potenza-mondiale-92583/

Dall’Europa al Pacifico: il cambio di paradigma nella politica estera Usa

Primato nazionale (7 Settembre 2017)

Nazionalismo “tattico” o nuovo imperialismo? La politica economica secondo Trump

Primato Nazionale(6 Settembre 2018)

L’informazione come strumento determinante nella guerra economica

Primato Nazionale    

Michele Antonilli – Mario Pietrangeli Il ruolo delle Ferrovie nella Prima Guerra Mondiale

Per uomini, per merci, per armi, per vettovaglie e per truppe, la ferrovia italiana ebbe un ruolo fondamentale nello svolgimento della Prima Guerra Mondiale e fu una delle pedine più importanti, sotto molteplici punti di vista, nelle pianificazioni degli strateghi di tutte le parti in gioco. Ma sebbene le Ferrovie costituiscano il binario conduttore del saggio, lo sguardo degli autori va oltre. Lo scenario si arricchisce infatti di informazioni sugli eserciti di fanti e di cavalieri, sulla marina, sull’aeronautica e altro ancora. Il quadro dipinto diviene mobile, intenso, tecnico eppure profondamente umano fino a delineare in modo inedito la nostra storia e rivelando molto delle nostre radici.

Link:http://www.amarganta.eu/saggistica/il-ruolo-delle-ferrovie-nella-prima-guerra-mondiale/

 

 

Gagliano Giuseppe La penetrazione dello spionaggio economico cinese

Analisi Difesa(11 Agosto 2018)